L’art. 3, comma 3-novies del D.L. n. 244 del 2016 ha disposto che il termine per l’esercizio dell’opzione di cui all’art. 16, comma 4 del D.Lgs. n. 147 del 2015 risulta prorogato, per i lavoratori dipendenti che non l’hanno ancora esercitata, al 30 aprile 2017.

Come sappiamo, l’art. 16 comma 4 del D.Lgs. n. 147 del 2015 dispone che i soggetti di cui all’art. 2, comma 1 della Legge 238 del 2010 che si sono trasferiti in Italia entro la data del 31 dicembre 2015 possono applicare, , in alternativa, per gli anni 2016 e 2017:

  • il regime previsto dalla Legge 238 del 2010
  • il regime previsto per il c.d. lavoratori impatriati di cui all’art. 16 del D.Lgs. n. 147 del 2015.

REGIMI A CONFRONTO

REGIME L. 238 DEL 2010 REGIME D.LGS. 147 DEL 2015
Tale regime prevede l’imponibilità parziale del reddito che deriva dalle attività di lavoro dipendente, autonomo o d’impresa avviate in Italia da soggetti che hanno determinati requisiti.
I redditi risultano imponibili in misura pari al 20% per le lavoratrici e al 30% per i lavoratori.
Tale regime prevede che il reddito di lavoro dipendente e autonomo, prodotto in Italia da lavoratori che trasferiscono la residenza nel nostro Paese, concorre a formare il reddito complessivo limitatamente al 50% – dal 2017 – del suo ammontare.

Si ricorda che hanno diritto all’agevolazione di cui alla Legge n. 238 del 2010 i soggetti cittadini dell’UE che:

  • hanno risieduto continuamente per almeno 24 mesi in Italia;
  • negli ultimi 24 mesi o più, anche se residenti nel loro Paese d’origine, hanno svolto continuativamente un’attività di lavoro dipendente, di lavoro autonomo o d’impresa fuori da tale Paese e dall’Italia;
  • negli ultimi 2 anni o più, hanno risieduto fuori dal proprio Paese d’origine e dall’Italia conseguendo un titolo di laurea o una specializzazione post-lauream;
  • devono essere assunti o devono aver avviato un’attività d’impresa o di lavoro autonomo in Italia;
  • devono trasferire il proprio domicilio e la propria residenza in Italia entro 3 mesi dall’assunzione o dall’avvio dell’attività.

MODALITÀ ATTUATIVE DELL’OPZIONE
Si segnala che a tal fine l’Agenzia delle Entrate dovrà emanare uno specifico Provvedimento entro il 31/03/2017 contenente le modalità attuative della nuova disposizione.

Diana Pérez Corradini

Diana Pérez Corradini

Condividi l'articolo...Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterShare on LinkedInEmail this to someone